Chi sono?

Chi sono?

Qualcosa su di me. 

Mi chiamo Maria Ghirardi, sono un’insegnante di scuola primaria dal 2011 ed una creativa dal 22 ottobre 1987, giorno in cui sono nata. Il mio sito nasce per coniugare il mio essere insegnante con la mia parte giocosa e creativa. Queste sono le tre parole che descrivono al meglio me stessa e il mio sito.

MAESTRA MARI

I miei alunni mi chiamano Maestra Mari, sono una persona semplice, allegra e entusiasta di ciò che fa. Quali sono i miei interessi come insegnante?

La didattica ludica attraverso il gioco e la creatività, l’apprendimento collaborativo e cooperativo e le tecnologie per la didattica su cui ho conseguito un master di primo livello presso l’Università di Genova.

Il mio motto è L’APPRENDIMENTO è EMOZIONE.

Ed è quello che cerco di fare ogni giorno quando entro in classe: EMOZIONARE ed ENTUSIASMARE. Cerco di trasmettere ai miei alunni il messaggio che la scuola è un’ OPPORTUNITà e che IMPARARE può essere davvero ENTUSIASMANTE.

Cerco di predisporre attività che li coinvolgano e mi metto in gioco continuamente. Non tutti i miei “esperimenti” hanno successo, ma io ci riprovo, finché generalmente ci riesco.

Credo che la scuola debba tornare ad essere in cima agli interessi del nostro Paese perchè è l’unico modo che abbiamo, come Nazione, di migliorarci. Ed ecco il primo motivo per cui ho rimesso mano al mio sito, ristrutturandolo e rivoluzionandolo.

Voglio che si sappia, anche al di fuori delle mura scolastiche che LA SCUOLA è BELLA, è un luogo in cui si può stare BENE e che ci sono tanti insegnanti, che silenziosamente, ogni giorno fanno di tutto per contribuire alla crescita del nostro Paese.

Infatti, nel mio sito troverete non solo idee mie, ma anche idee reperite in rete o di colleghe che conosco personalmente che mettono la mia stessa passione ogni giorno per migliorare le cose e per dare il loro contributo. Ci sono tante di maestre così.

Questa è la mia risposta alla cronaca da telegiornale che, secondo me, non fa giustizia alla scuola vera. Lo farò a modo mio, condividendo ciò che di bello accade, facciamo e che trovo in rete.

GIOCHERELLONA

Sono una GIOCHERELLONA.

Adoro giocare e soprattutto amo creare giochi, nello specifico, GIOCHI PER IMPARARE. 

Giochi da utilizzare a scuola con le insegnanti o a casa con mamma e papà se ci si accorge che un bambino fatica ad acquisire una conoscenza o un’abilità o per potenziare quelle che già si hanno. 

Giochi di carta, giochi da tavolo, giochi con le carte e giochi tecnologici.

Non demonizzo nulla e non credo che si debba utilizzare una sola modalità, anche perché solo così si può andare incontro a tutti i bambini. Giochi per il tempo libero, ma soprattutto per veicolare contenuti didattici.

La didattica ludica e la Gamification secondo me hanno un potenziale incredibile anche se sono spesso sminuite, perchè si ha l’idea che l’apprendimento debba essere per forza qualcosa di serio o noioso.

Penso che imparare qualsiasi cosa sia una vera e propria opportunità e soprattutto che qualsiasi cosa, se vissuta con il sorriso abbia un sapore diverso.

Giocando non ci si accorge nemmeno che si sta imparando ed è proprio questo il punto di forza dell’approccio ludico. In questi anni come insegnante ho cercato di andare in questa direzione, ho deviato, cambiato idea, ma ad oggi se osservo il mio percorso come insegnante c’è sempre questo comune denominatore:

IL GIOCO e la cooperazione perchè qualsiasi cosa se affrontata insieme diventa più bella e più facile.

Per questo motivo, a partire dai giochi che ho creato in questi anni per i miei alunni, sto costruendo dei KIT gioco per veicolare contenuti didattici per la scuola primaria e per la scuola dell’infanzia. Potrete trovare questi Kit sul mio shop o all’interno del mio sito. 

Ho in mente la realizzazione di giochi su misura, in base alle necessità dei bambini. Per questo ci sarà la possibilità di richiedere dei KIT gioco, personalizzati per i vostri bambini. I kit saranno disponibili in versione digitale e cartacea. Scrivetemi per saperne di più o per farmi una richiesta specifica.

 

CREATIVA

Sono una “scrittrice e illustratrice” ESORDIENTE. Devo dire che questo mi fa un po’ effetto. Una descrizione molto impegnativa che non mi sento molto cucita addosso per il momento.

Ad ottobre 2018 è stato pubblicato un libro per bambini da me scritto e illustrato: I COLOREONTI.

E’ un semplice libro per bambini, ma sono davvero ORGOGLIOSA di questo mio piccolo e grande risultato assolutamente INASPETTATO. La cosa bella è che il mio libro ha emozionato tante persone e che il mio messaggio sta circolando nelle storie della buonanotte di tanti bambini.

Proprio grazie al mio libro ho tenuto alcuni Laboratori Creativi per bambini in libreria e in diverse classi della scuola dell’infanzia. Per i laboratori ho creato dei KIT appositi che potete trovare nel mio shop da stampare ad un prezzo modico. I kit possono essere utilizzati sia a casa che in classe, se volete saperne di più visitate la sezione del mio libro.

 

Sono una CREATIVA. Una creativa nel modo di vivere, di pensare e di agire: la bambina disegnata qui sotto è MariettiBUS, un personaggio che racconta storie. 

Vi auguro una felice navigazione.

Seguimi e scopri di più!!!

Condividi

Traduci

Iscriviti al mio blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 1.038 altri iscritti

2 Commenti

  1. Mauro Cossiga

    Ciao Maestra e collega. Mi chiamo Mauro Cossiga e sono docenyte di sostegno presso il liceo Margherita di Castelvì di Sassari. Ho letto con piacere la tua presentazione dove dichiari che insegnare può e deve essere divertente: un gioco. Un gioco fatto di emozioni dove la grammatica divenga un processo emotivo che coinvolga insegnante e alunn9o. Sono d’accordo con te sul fatto che solo attreverso questo persocorso si riesca davvero a comunicare con qualsiasi persona, dove non si può prescindere dal lato emozionale che aiuta a comprendere il messaggio trasmesso. La Caa è per noi docenti di sostegno uno strumento indispensabile, perché l’immagine fa parte della nostra sfera quotidiana ed è con essa che riusciamo a farci capire, prima che con il segno grafico, più complesso e poco intuitivo. Leggrò con attenzione il tuo libro I Coloreonti

    Rispondi
    • Mari

      Che bel commento! Grazie!
      Le emozioni restano per me il veicolo migliore di apprendimento ed il gioco stimola proprio questo: coinvolgimento, emozione, entusiasmo.
      Nella mia esperienza, un Gioco conduce i bambini all’apprendimento senza che nemmeno se ne accorgano. Questo il motivo per cui sono sostenitrice di questo approccio.
      Grazie ancora.

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi